È stato ribattezzato “il giallo della balestra” e dai particolari che emergono la storia sembra destinata a sconvolgere sempre di più l’opinione pubblica tedesca. Quattro ragazze sono state trovate morte, a pochi giorni di distanza. Le prime due in una stanza d’albergo a Passau, insieme a un uomo: secondo quanto ricostruito, sarebbe stata una di loro, Farina Caspari, ad ammazzare con una balestra Torsten Weiss e Kerstin Enders, mentre si trovavano abbracciati sul letto. Poi, si sarebbe tolta la vita, sempre con la stessa arma. Altri due corpi sono stati ritrovati due giorni dopo nell’appartamento della Caspari a Wittingen, in Bassa Sassonia: si tratta di Gertrud Caspari, 35 anni e di Carina U, una ragazza di diciannove anni.

Cinque morti. Al centro di tutto ci sarebbe una setta gotica dedita a riti medievali e, secondo il network TRL, basata sui rapporti di sesso col leader, quel Weiss trovato morto nell’albergo di Passau. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, l’uomo sarebbe stato un abile manipolatore, ricattatore e avrebbe avuto rapporti sessuali con le sue adepte. Carina, la 19enne, aveva interrotto i rapporti con la famiglia proprio per seguire Weiss che possedeva un negozio di strumenti medievali, con tanto di strumenti per la tortura. Stando a quanto riporta la Bild, i tre morti di Passau erano di ritorno da una rievocazione cavalleresca.