“La richiesta di processo per il carabiniere-teste Riccardo CasamassimaNessun timore di ricadute per il caso di Stefano Cucchi“. A rivendicarlo è stato Fabio Anselmo, legale della famiglia, per quanto riguarda la richiesta di rinvio a giudizio, con l’accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio, per il teste chiave che aveva permesso una svolta nelle indagini sulla morte del giovane geometra romano. Se l’avvocato di Casamassima, Serena Gasperini, aveva bollato la richiesta come “un attacco strategico e un’intimidazione per screditare Casamassima, teste chiave al processo Cucchi”, nel corso di una nuova udienza del caso Cucchi è stato Anselmo a spiegare: “I fatti risalgono al 2014 e lo stesso Casamassima ne aveva già parlato. Non ho assolutamente il timore che questa vicenda possa avere delle ricadute sul processo Cucchi, dato che tra intercettazionitestimonianze e confessioni e intercettazioni, questo è un processo blindato”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Omicidio Biagi, pena ridotta di 10 mesi all’ex Br Boccaccini. Il figlio Lorenzo: “Mi fa molta rabbia, prendo atto”

prev
Articolo Successivo

Verbania, “favorisce i ricorsi degli imprenditori appartenenti alla sua loggia massonica”. Indagato giudice di pace

next