Cinquemila piante di cannabis per un valore commerciale di oltre un milione di euro: era questo il “bagaglio” con cui viaggiava Alkiviades David, l’erede della Coca Cola, sul suo jet privato. Il miliardario è stato arrestato fermato a Saint Kitts, isola nei Caraibi, dopo che i funzionari della dogana dell’aeroporto Robert L. Bradshaw International hanno scoperto la merce che trasportava. David si trovava nei Caraibi con il collega e socio d’affari, il miliardario Chase Ergan, e con l’attore Jonathan Rhys Meyers: i tre sono stati trattenuti per diverse ore e poi arrestati quando hanno cercato di lasciare l’isola.

L’erede dell’impero della Coca Cola si è giustificato sostenendo che le piante erano “tutte di canapa” e facevano parte di un suo nuovo progetto “per sviluppare un business legale della cannabis” nei Caraibi orientali. Funzionari della Polizia di San Kitts hanno dichiarato al quotidiano inglese Daily Express che David ed Ergen sono accusati di possesso di droghe controllate e importazione di farmaci.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piano City, dal 17 al 19 maggio a Milano: ecco i dieci eventi da non perdere

prev
Articolo Successivo

The Jeremy Kyle Show, chiuso il programma dopo la sua sospensione. L’ad dell’emittente: “È il momento giusto per mettervi fine”

next