Il controverso programma televisivo The Jeremy Kyle Show chiude i battenti definitivamente in Gran Bretagna. Lo ha annunciato l’emittente Itv dopo aver già deciso la sospensione nei giorni precedenti. La trasmissione, concepita per trattare di liti familiari e tra conoscenti, era finita nella bufera a causa del suicidio di un partecipante, Steven Dymond di 62 anni, trovato morto il 9 maggio una settimana dopo la registrazione di un episodio incentrato su una sua presunta infedeltà di coppia. L’annuncio della cancellazione è stato dato da Carolyn McCall, amministratrice delegata di Itv. Anche la premier Theresa May si era detta “preoccupata” per l’accaduto.

L’ad di Itv Carolyn McCall ha commentato: “Il Jeremy Kyle Show ha avuto un’audience fedele ed è stato realizzato con dedizione dal team della produzione per 14 anni, ma ora è il momento giusto per mettervi fine”. Aggiungendo: “I pensieri e la compassione di tutti noi di Itv sono con la famiglia e con gli amici di Steve Dymond”. L’ad dell’emittente ha peraltro confermato che l’inchiesta interna avviata sull’episodio sfociato nella morte di Dymond “è in corso e proseguirà”. Verrà anche accuratamente esaminata la registrazione del programma che non è mai andata in onda. In ogni caso il presentatore dello show non viene estromesso. “Itv – ha concluso la McCall – intende continuare a lavorare con Jeremy Kyle su altri progetti”.
Reazioni positive all’annuncio sono giunte da varie voci del mondo politico che avevano criticato lo show. Show che era stato anche imitato (e poi cancellato) negli Stati Uniti d’America.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’erede della Coca Cola arrestato ai Caraibi: sul suo aereo cannabis per oltre un milione di euro

next
Articolo Successivo

Kate Middleton rivela: “Louis? Un giorno mi ero distratta e l’ho trovato…”

next