Poco più di 3mila euro“: è quanto ha preso Pamela Prati per partecipare alla puntata di Domenica In del 31 marzo scorso, quella in cui raccontò commossa a Mara Venier di aver già celebrato le nozze civili con l’ormai fantomatico fidanzato Mark Caltagirone, come fa sapere la Rai in una nota di risposta all’interrogazione parlamentare presentata dal deputato del Partito Democratico Michele Anzaldi. “In merito all’interrogazione in oggetto si informa quanto segue. Per la partecipazione alla trasmissione in questione Pamela Prati ha percepito un compenso complessivo di poco più di 3 mila euro, comprensivo di una quota a titolo di sfruttamento di immagini private fornite da lei stessa – fanno sapere da Viale Mazzini come riferito da Fanpage.it -. Tale valore, con riferimento alla tipologia di prestazione effettuata, si colloca in una fascia di mercato medio/bassa”.

In lacrime, Pamela Prati raccontò a Mara Venier di essersi già scambiata gli anelli con Caltagirone e che insieme avevano preso in affido due bambini: entrambe queste circostanze però, sono state poi smentite dai fatti, tanto da spingere Anzaldi a chiedere chiarimenti in Parlamento in un’interrogazione presentata il 12 aprile scorso: “Se la storia è falsa, la cosa è ancora più grande perché se la Rai ha dato soldi per una intervista falsa, capisce che è qualcosa di grave per i soldi miei, suoi e di tutti i cittadini“, ha detto il deputato del Pd. Non solo, l’intervista in questione è sparita dai canali ufficiali Rai: non c’è nessuna traccia neanche su Rai Play dove il link che reindirizza al contenuto restituisce, infatti, un messaggio di errore: “Ci dispiace, il contenuto non è disponibile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trovati morti in una stanza d’albergo trafitti da frecce: si tratta di due donne di 30 e 33 anni e di un uomo di 53

prev
Articolo Successivo

Doris Day, è morta l’attrice e cantante: aveva 97 anni

next