È arrivata alla Guardia costiera italiana la segnalazione di un barcone in avaria nel Mediterraneo, a rischio di affondamento, con circa 150 persone a bordo. L’imbarcazione, su cui ci sono molte donne e bambini, si trova nella zona di ricerca e soccorso libica. La nave Mare Jonio, della ong Mediterranea Saving Humans, si trova a circa 100 miglia dal barcone in difficoltà, ma ha detto di essere pronta a intervenire.

La segnalazione è arrivata da Alarm Phone, un numero telefonico per rifugiati in difficoltà nella acque del Mediterrano, creato nel 2014 da una rete di attivisti in Europa e Nord Africa. “Le autorità di Roma, Valletta e Tripoli – riportano Alarm Phone – sono informate. A bordo urla e panico. I migranti stanno usando vestiti per cercare di bloccare il buco. Urge soccorso immediato!”. Anche l’Ong Mediterranea segnala su Twitter: “Il natante che sta imbarcando acqua da una falla si trova in acque territoriali libiche, dove alla #MareJonio è vietato entrare. Fate presto: 150 persone, bambini, donne e uomini rischiano di affondare!“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo smartphone pieghevole Galaxy Fold e le rotture dello schermo, Samsung pubblica una nota ufficiale

next
Articolo Successivo

Riace, nasce fondazione per salvare l’accoglienza. Tribunale nega a Lucano permesso per partecipare a presentazione

next