“C’è un problema di etica nel mondo dell’imprenditoria, spesso gli imprenditori agiscono seguendo il criterio della convenienza, ma la soglia etica è molto bassa”. Al termine della conferenza stampa al Tribunale di Milano, il capo della Dda di Milano, Alessandra Dolci, ha lanciato un allarme sul legame tra il mondo imprenditoriale e quello della criminalità organizzata: “Facendo una riflessione sulle figure imprenditoriali di cui mi sono occupata in questi anni alla Dda, posso dire che otto di loro erano collusi, mentre solo due di loro erano vittime della criminalità organizzata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti Milano, gip: “Modulo destinato a ripetersi all’infinito. Quadro di grave allarme sociale e senso di impunità”

next
Articolo Successivo

Siri, Salvini: “Domani in Cdm la Lega vota contro e poi si continua. Spaccatura con M5s non solo su questo”

next