Lo Squartatore di Hollywood“. Così è stato soprannominato Michael Gargiulo, l’uomo accusato di aver ucciso almeno quattro donne, tutte sue vicine di casa. Tra queste c’è anche Ashley Ellerin, ex fidanzata dell’attore Ashton Kutcher, uccisa con 47 coltellate il 21 febbraio del 2001: doveva andare ad un party dopo i Grammy Awards con il fidanzato e invece fu ritrovata in casa con coltellate allo stomaco, al petto e alla schiena, oltre a una ferita al collo che “le aveva quasi mozzato la testa”, come avevano spiegato all’epoca i detective che si erano occupati del caso. Il processo che vede imputato Gargiulo è iniziato in questi giorni a Los Angeles, come riferisce il Washington Post, e tra i testimoni dell’accusa c’è anche Ashton Kutcher che trovò il corpo senza vita della fidanzata: arrivando davanti a casa, aveva raccontato l’attore, aveva visto delle macchie per terra “sembrava vino” ma era in realtà il sangue di Ashley.

Originario dell’Illinois, commise il suo primo omicidio a 17 anni: vittima la sua vicina di casa, la diciottenne Tricia Pacaccio. Pugnalata anche lei 47 volte,fu trovata morta dal padre: il caso è rimasto irrisolto per tantissimi anni ma ora l’accusa ha riscontrato molte somiglianza con altri omicidi imputati a a Gargiulo, il “killer della porta accanto”, che, trasferitosi in California, avrebbe ucciso altre due donne. Una, Maria Bruno, sua vicina di casa, venne uccisa nel 2005 nella sua casa di El Monte, in California, con 17 coltellate. Delitti rimasti senza colpevole fino al 2008, quando a Santa Monica Gargiulo tentò di uccidere la sua vicina di casa Michelle Murphy. L’aggredì mentre lei era a letto, sempre accoltellandola. Michelle però, riuscì a fuggire e ora è l’unica testimone oculare nonché unica sopravvissuta a Gargiulo.

Il sangue trovato nella sua casa corrisponde a quello do Gargiulo, ed è così che il Dna viene confrontato con le tracce rinvenute sulle scene degli altri delitti. Gli investigatori sospettano che le vittime di Gargiulo possano essere una decina, ma per ora l’uomo, che è detenuto a Los Angeles, deve rispondere solo degli omicidi di Ashley Ellerin e Maria Bruno, e del tentato omicidio di Michelle Murphy. Lui si è sempre proclamato innocente ma rischia la pena capitale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conte in equilibrio sugli anelli nel centro di Roma: l’opera di street art subito rimossa

prev
Articolo Successivo

Riccardo Zaccaro, parla il 22enne eroe seriale: “Faccio quello che dovrebbe essere naturale per tutti”

next