“Tra poco una nuova puntata di Ciao Darwin, ma prima mi sta a cuore dirvi qualcosa”. È iniziata così, venerdì 3 maggio, l’ultima puntata del programma di Canale 5 condotto da Paolo Bonolis che ha detto la sua sull’infortunio occorso al 54enne Gabriele Marchetti durante la registrazione di una delle ultime puntate della trasmissione. Il concorrente rischia ancora la paralisi, ma ha lasciato il reparto di terapia intensiva del Policlinico Umberto I di Roma ed è stato trasferito all’Istituto  di ricovero e cura a carattere scientifico della Fondazione Santa Lucia, dove inizierà la sua terapia. Nei giorni scorsi è emerso anche il precedente di un concorrente di un’altra trasmissione simile, la storica Giochi Senza Frontiere: era il 1980 quando Sebastiano Marchesan cadde durante una prova e rimase paralizzato. Ora la storia rischia di ripetersi.

Da parte sua Paolo Bonolis ha tenuto a precisare il punto di vista dello staff di Ciao Darwin: “Siamo umanamente dispiaciuti per l’accaduto, siamo vicini a lui e alla famiglia e lo siamo stati sin dal primo istante – ha detto il conduttore romano – Abbiamo posto in essere tutte le misure necessarie, tutto quello che era necessario per un suo immediato soccorso, abbiamo costantemente monitorato lo sviluppo della vicenda. Quindi – ha concluso Bonolis – invitiamo chiunque fosse realmente interessato alla vicenda di seguire solamente e nient’altro che le notizie ufficiali, per rispetto del concorrente che sta recuperando dallo sfortunato incidente, per rispetto della famiglia e più di ogni altra cosa per rispetto della verità“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Woody Allen, l’improvvisa damnatio memoriae per il regista: né distribuzione del film né pubblicazione dell’autobiografia

next
Articolo Successivo

Crozza-Calenda non riesce a levarsi i guantoni da pugile: “Lo dico per trasparenza, è faticoso”

next