Riunire i moderati, rilanciare “un nuovo patto del Nazareno”. A invocarlo era stato Gianfranco Micciché, storico sodale di Silvio Berlusconi in Sicilia, dopo le amministrative e il caso Gela, dove il candidato sindaco Lucio Greco (ex alfaniano) è sostenuto da azzurri e dem e spera di vincere al ballottaggio contro il leghista Giuseppe Spata. Uno scenario che, dopo silenzi di circostanza, imbarazza Forza Italia, già scossa da liti interne, fughe di dirigenti nei territori e con il presidente azzurro della Liguria, Giovanni Toti, da mesi ormai più fuori che dentro il partito. “Una nuova alleanza Pd – Forza Italia? Non esiste“, rilanciano in coro in casa azzurra, seppur con diverse sfumature.
“Non c’è spazio per questo scenario. Berlusconi ha già indicato che la linea, anche in vista delle Europee, è l’unità del centrodestra, tra popolari e forze di destra e conservatrici che sono nell’alveo democratico”, rivendica Maurizio Gasparri. E pure l’ex capogruppo alla Camera, Renato Brunetta, si accoda: “L’unico scenario possibile è l’alleanza di centrodestra premiata il 4 marzo dagli elettori? Salvini ci ha scaricato? Cosa? Nelle regioni e nelle amministrative vince con noi, il resto sono matrimoni mostruosi, impossibili, che finiscono a pesci in faccia sui giornali ogni giorno”, sbotta. “Ora dobbiamo prendere voti per occupare uno spazio tra la Lega e un Pd che si sposta sempre più a sinistra”, spiega il vicepresidente Antonio Tajani. Mentre si difende Annamaria Bernini: Solo un fatto locale“, precisa la capogruppo al Senato, secondo cui il patto del Nazareno “generò ambiguità punite dai nostri elettori, non saremo noi a rievocarlo”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europee, Di Maio: “Negli anni parcheggio di trombati della politica”. Poi l’appello: “Bisogna votare per cambiare le cose”

prev
Articolo Successivo

Sanità, il decreto Crescita tratta i fondi privati alla stregua di un oratorio. E li favorisce

next