Mia nonna mi ha insegnato l’autoerotismo perché voleva farmi capire che quel piacere era per me. Non voleva che cadessi nelle mani di un uomo e, se mi dava piacere, pensare che fosse lui a darmelo. Me l’ha insegnato a nove anni!”. A rivelarlo è Jada Pinkett Smith, la moglie dell’attore americano Will Smith, che ha deciso di raccontare alcuni dettagli molto intimi del suo passato in un episodio del suo Facebook Watch series, “Red Table Talk”, che è andato in onda il 10 luglio 2018 e ora è tornato a circolare in Rete. “Penso di aver avuto una vera e propria dipendenza da sesso quando ero più giovane. Come se tutto potesse essere sistemato con il sesso”, ha confessato l’attrice.

A 17 anni ho iniziato ad avere orgasmi multipli – ha continuato a raccontare. Era un periodo di esplorazione per me e di astensione dagli uomini. In realtà credo di aver vissuto una specie di dipendenza. Poi un giorno mi sono fermata e mi sono detta: ‘Basta. Stai avendo cinque orgasmi al giorno. Se vuoi fare un sacco di sesso, va bene, ma chiediti perché fai tutto quel sesso”. Ma non c’è stata solo la dipendenza dal sesso nella vita di Pinkett: l’attrice ha detto infatti di aver dovuto combattere anche contro l’alcolismo. “Ricordo di aver raggiunto il fondo quando ero in casa da sola e avevo queste due bottiglie di vino. Stavo per aprire la terza e mi sono detta: ok, sei alla terza bottiglia, potresti avere un problema”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Lo yeti esiste, abbiamo le foto delle sue impronte”: l’annuncio dell’esercito indiano

next
Articolo Successivo

Alfonso Signorini rivela: “Anche io ci sono cascato come Pamela Prati, mi innamorai dell’inesistente Lorenzo Coppi”

next