Luigi Di Maio e Matteo Salvini non si “followano” più. I due vicepremier hanno smesso infatti di seguirsi a vicenda su Instagram, una rottura che capita proprio in un momento di forti tensioni all’interno della maggioranza di governo. E in un’epoca in cui la politica la fa da padrone sui social media, la cosa non è passata di certo inosservata nonostante i numerosi followers che entrambi contano (1,4 milioni il leader leghista, 785mila per il capo del M5s). E pensare che, come ricorda Il Mattino,  dopo la firma del contratto di governo i due leader si erano perfino scambiati qualche like. Poi però, complici alcuni temi caldi come il “caso” Siri e il decreto Salva Roma, il rapporto tra Di Maio e Salvini ha iniziato a raffreddarsi, tanto da spingerli (o meglio, spingere i loro social media manager) a smettere di seguirsi a vicenda.

Questo divorzio social è stato però definito come pretestuoso da Mara Carfagna, che ha commentato così: “Avviso al Paese reale: vi preghiamo di non cadere nella trappola del governo, che oggi proverà a distrarvi dai guai nei quali vi sta cacciando, con la notizia di Salvini e Di Maio che si ‘defollowanò a vicenda – ha detto la vice presidente della Camera e deputata di Forza Italia -. Dopo aver ipnotizzato le coscienze collettive con mitra, fidanzate, peluche e Nutelle, oggi ci provano così. Restate lucidi. Sul debito che sale, sulla disoccupazione che cresce, sulle tasse che aumentano, sulla crescita che non c’è e sui 30 – 40 miliardi che questi signori di certo non troveranno entro ottobre”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ciao Darwin concorrente paralizzato, i messaggi nelle chat e il racconto di una testimone: “L’ho visto cadere, diceva ‘non riesco a respirare’”

next
Articolo Successivo

Grande Fratello, bacio lesbo tra Francesca De André e Erica

next