“Sono una ex portavoce del Movimento, ci avete tradito, mi fidavo di voi”, “i voti che avete preso qui non li rivedrete più. Non è una iattura, ma un dato di fatto”. Al tavolo permanente per il Contratto istituzionale di Sviluppo, a Taranto, gli attivisti e i rappresentati delle associazioni, che per anni hanno chiesto la chiusura dell’Ilva e hanno appoggiato il M5s, hanno contestato i ministri pentastellati presenti, a partire dal capo politico, Luigi Di Maio. Nel video, una parte dell’intervento dell’attore Michele Riondino, che fa parte del comitato Cittadini e Lavoratori liberi e pensanti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilva, la mamma commossa a Di Maio: “Tre mesi fa è morto mio figlio. Vuole sulla coscienza i decessi futuri?”

prev
Articolo Successivo

Ex Ilva, la giornata di Di Maio a Taranto tra annunci e contestazioni: “Passerella elettorale, chiudere fonti inquinanti”

next