Chissà se per il loro macabro piano si sono ispirate a qualche serie tv. Perché a leggere quello che avevano intenzione di fare viene in mente qualche prodotto Netflix: come uccidere nove compagni di classe senza essere scoperti. E’ accaduto ad Avon Park, una cittadina a sud di Orlando, in Florida. “Se lo trovano e arrivano a me dirò che è tutto uno scherzo”. Questa la frase che, secondo i media americani, ha “tradito” le due ragazze di quattordici anni che pensavano di aver messo a punto il delitto perfetto.

Nel raccoglitore che stavano disperatamente cercando in aula e che le ha fatte notare da un’insegnante, c’erano infatti degli step ben pianificati: “Come recuperare le armi, come attirare le vittime, come ucciderle, come disfarsi dei corpi”. E, ha fatto sapere lo sceriffo, c’erano anche i nomi delle vittime, che però non sono stati resi noti. Le due avrebbero rapito i compagni, li avrebbero uccisi e poi avrebbero bruciato i cadaveri. Il tutto stando attente a non lasciare tracce come capelli, unghie e un’altra serie di cose indicate nel raccoglitore, con su scritto “Non aprire”. Le ragazze sono state arrestate all’uscita della scuola. L’accusa nei loro confronti: pianificazione di sequestro di persona e omicidio premeditato. Descritte come ragazze tranquille, ora sono detenute in un carcere minorile di Bartow. Chissà come spiegheranno al magistrato che si trattava solo di uno scherzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giancarlo Magalli, la risposta su Adriana Volpe “gela” il pubblico di Non è l’Arena. E lei risponde

prev
Articolo Successivo

Paola Caruso dopo aver scoperto la sua vera mamma in diretta tv: “E’ un miracolo”

next