Almeno 185 morti e oltre 550 feriti in Sri Lanka, a causa delle esplosioni simultanee che hanno colpito oggi, nel giorno di Pasqua, chiese e alberghi. Tra le vittime ci sono 35 stranieri, tra cui cittadini americani, britannici e olandesi. L’Unità di crisi della Farnesina è al lavoro per effettuare verifiche sulla presenza di italiani. I tre hotel colpiti dalle esplosioni a Colombo sono lo Shangri-La, il Kingsbury Hotel e il Cinnamon Grand. Colpite anche tre chiese, il santuario di Sant’Antonio, una a Negombo, città a maggioranza cattolica a nord della capitale, e l’altra nella città orientale di Batticaloa. Nel paese dell’Asia meridionale la minoranza cristiana è circa il 7,5% della popolazione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sri Lanka, esplosioni in luoghi di culto e hotel. Il video girato dentro la chiesa Sant’Antonio pochi minuti dopo

next
Articolo Successivo

Iraq, Anas e i bambini dell’ospedale Msf di Mosul: “Paralizzato a 11 anni per una bomba al mercato”

next