Almeno 185 morti e oltre 550 feriti in Sri Lanka, a causa delle esplosioni simultanee che hanno colpito oggi, nel giorno di Pasqua, chiese e alberghi. Tra le vittime ci sono 35 stranieri, tra cui cittadini americani, britannici e olandesi. L’Unità di crisi della Farnesina è al lavoro per effettuare verifiche sulla presenza di italiani. I tre hotel colpiti dalle esplosioni a Colombo sono lo Shangri-La, il Kingsbury Hotel e il Cinnamon Grand. Colpite anche tre chiese, il santuario di Sant’Antonio, una a Negombo, città a maggioranza cattolica a nord della capitale, e l’altra nella città orientale di Batticaloa. Nel paese dell’Asia meridionale la minoranza cristiana è circa il 7,5% della popolazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sri Lanka, esplosioni in luoghi di culto e hotel. Il video girato dentro la chiesa Sant’Antonio pochi minuti dopo

prev
Articolo Successivo

Iraq, Anas e i bambini dell’ospedale Msf di Mosul: “Paralizzato a 11 anni per una bomba al mercato”

next