Almeno 185 morti e oltre 550 feriti in Sri Lanka, a causa delle esplosioni simultanee che hanno colpito oggi, nel giorno di Pasqua, chiese e alberghi. Tra le vittime ci sono 35 stranieri, tra cui cittadini americani, britannici e olandesi. L’Unità di crisi della Farnesina è al lavoro per effettuare verifiche sulla presenza di italiani. I tre hotel colpiti dalle esplosioni a Colombo sono lo Shangri-La, il Kingsbury Hotel e il Cinnamon Grand. Colpite anche tre chiese, il santuario di Sant’Antonio, una a Negombo, città a maggioranza cattolica a nord della capitale, e l’altra nella città orientale di Batticaloa. Nel paese dell’Asia meridionale la minoranza cristiana è circa il 7,5% della popolazione

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sri Lanka, esplosioni in luoghi di culto e hotel. Il video girato dentro la chiesa Sant’Antonio pochi minuti dopo

next
Articolo Successivo

Iraq, Anas e i bambini dell’ospedale Msf di Mosul: “Paralizzato a 11 anni per una bomba al mercato”

next