Live-Non è la D’Urso è entrato in possesso di alcune foto che ritrarrebbero Mark Caltagirone, il futuro marito della showgirl che nessuno ha mai visto”, annunciava Mediaset ieri mattina con un comunicato stampa. Immagini ricevute in maniera riservata da Barbara D’Urso da una persona coinvolta nel caso Prati, foto che vengono trasmesse in maniera pixellata ma mostrate senza filtri ai presenti in studio. Un uomo con capelli sale e pepe, un po’ abbronzato: “Ci somiglia ma non è lui“, assicura la manager Eliana Michelazzo presente in studio.

Le stesse foto che nel pomeriggio aveva pubblicato in chiaro Dagospia, certo che non fosse il reale Mark Caltagirone, girate alla redazione del sito dall’esponente del Pd calabrese Alessia Bausone che le aveva allegate all’email in cui affermava che il futuro marito non era mai esistito e che era stato creato a fini pubblicitari dalle due agenti Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo. In serata la giornalista Selvaggia Lucarelli aveva poi svelato su Twitter il nome della persona a cui sarebbero state rubate le foto, un avvocato cagliaritano di cui preferiamo non riportare il nome.

“Io sono un avvocato cagliaritano che ha una propria famiglia e non ha mai conosciuto la sig.ra Pamela Prati (…) Sto comunque provvedendo a sporgere regolare denuncia presso la polizia postale e preannuncio che agirò in ogni sede per vedere tutelati i miei diritti ed i miei interessi davanti ad ogni competente sede”, ha scritto in una lettera a Dagospia.

Probabilmente non le uniche immagini false di Mark Caltagirone a circolare tra i giornalisti e nelle redazioni tv. Roberto Alessi, direttore di Novella 2000, ha dichiarato di aver visto delle foto del presunto imprenditore definito “un bell’uomo, biondino”, immagini mostrategli da Pamela Perricciolo. Il sito Fanpage nel suo articolo aveva aggiunto: “La Prati avrebbe mostrato agli amici una sola foto del futuro sposo, che però sembrerebbe essere tratta da un servizio posato di un modello straniero.”

La conduttrice coglie l’occasione per fare un proposta al misterioso sposo in diretta tv: “Siccome Mark Caltagirone ha il mio numero, mi ha mandato qualche giorno fa il video del loro bambino del quale non voglio parlare ma io l’ho visto, può incontrarmi. Do la mia parola d’onore che, se ci incontriamo in camerino, di nascosto, lo faremo senza telecamere. Lo guardo, ci parlo, mi fa vedere i suoi documenti e sarò io a testimoniare la sua esistenza. Mi sembra un’ottima idea per salvaguardare Pamela”.

Nel corso della serata la manager ha perfino dichiarato che Caltagirone si troverebbe in Libia e si è resa protagonista di uno scontro con Giovanni Ciacci. “Fai parte della loro agenzia? Allora puoi anche non parlare”, ha detto lo stylist rivolgendosi a Georgette Polizzi, ex Temptation Island, presente in studio per difendere la Prati, come del resto Milena Miconi. “Torna a portare le borsette a Valeria Marini. Non ti permettere di giudicare. Chi ti crede di essere. Non puoi zittire nessuno. Maleducato. Fate sempre questo problema di agenzia. Levati quella tintura dalla barba. Sei ridicolo. Silenzio”, ha replicato la Michelazzo. Ciacci ha risposto a tono: “Conosco Valeria Marini, l’ho vestita. E ne vado fiero.

La Michelazzo si è poi soffermata sulle condizioni di salute della Prati: “Ha la pressione alta. E’ stata male. Ora sta bene. A 60 anni, la tensione la porta a questo. Tanta gente chiede assiduamente. Invece di vivere un momento bellissimo, sta diventando un panico”, ha concluso la manager.

Crescono gli ascolti di Live-Non è la D’Urso, anche grazie all’affaire Prati il programma in onda su Canale 5 ha ottenuto 2.827.000 telespettatori e il 16,5% di share. Nelle scorse settimane la trasmissione si era assestata tra il 13 e il 14% di share.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Norvegia, approvato lo sfruttamento del più grande giacimento di rame del paese: così 6.500 tonnellate di fanghi tossici verranno scaricati sul fondo del fiordo

prev
Articolo Successivo

Pamela Prati, una testimone a Oggi: “Mi sono innamorata di Mark Caltagirone ma quando chiedevo di incontrarlo…”

next