“E’ più interessante un intellettuale o un calciatore? Che domanda, non c’è paragone. Gli intellettuali sono molto più perve**i, i calciatori sono basici. Altrimenti mi sarei fidanzata con un calciatore”. Non usa mezzi termini Alba Parietti in un’intervista al settimanale Chi nella quale ha parlato della sua vita privata e si è raccontata senza filtri. “Mi attribuiscono flirt con Vialli e Mourinho? Mi fa piacere perché loro sono i più grandi di tutti – ha detto la Parietti -. Avrei tanto voluto che fosse vero con Mourinho, anzi, sono disponibile a fare in modo che questa fantasia diventi realtà: se torna all’Inter posso vendere l’anima alla sua squadra”.

Ho passato una vita a dare la caccia agli psicopatici, mi piace fare la vittima che diventa carnefice – ha spiegato ancora la showgirl -. Poi, certo, mi piacciono anche gli uomini come mio padre che sono bravi, perfetti, indistruttibili. Ma mi attira la follia. Julio Cortázar, un intellettuale francese, diceva: ‘Per parlare d’amore bisogna parlare con i pazzi, che ne sanno di più, perché gli intelligenti amano intelligentemente, che è come non aver amato mai’”.

Chiuso il capitolo vita sentimentale, torna sul banco la questione Isola dei Famosi, in particolare il controverso “caso Fogli“: “Chi sta sull’Isola vive una condizione di stress e di sofferenza e, quindi, appare indifeso. Certo, un messaggio violento come quello in altre trasmissioni è scontato, ci sono programmi che vivono di quello, la differenza è che negli altri casi il destinatario è seduto in salotto e può anche alzarsi e andarsene, lì no”. Diletta Leotta? “È ovvio che la odio, come tutte le donne della mia età di fronte alle strafighe, come le viene in mente solo di pensare che possa piacermi?”, ha concluso.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dolcenera rivela: “Sono scomparsa perché dovevo curarmi”

prev
Articolo Successivo

X Factor, Tommaso Paradiso e Giuliano Sangiorgi sono i nuovi giudici?

next