È morto a 81 anni di polmonite Monkey Punch, il creatore di Lupin III, il ladro gentiluomo ispirato all’Arsènio Lupin di Maurice Leblanc. Noto mangaka giapponese, il suo vero nome era Kazuhiko Kato e si è spento l’11 aprile scorso. A darne notizia il sito dedicato ai fumetti Fumettologica.it Monkey Punch debuttò nel mondo del fumetto nel 1965, per poi ideare, due anni dopo, nel 1967, la serie Lupin III sulla rivista Manga Action edita da Futabasha. La serie e i suoi personaggi raggiunsero la popolarità mondiale nel 1971, grazie all’adattamento animato.

In Italia l’opera approdò sugli scaffali delle fumetterie grazie a Star Comics e Planet Manga. Da allora – riferisce sempre Fumettologica – Lupin III è stato protagonista di cinque serie animate – l’ultima delle quali andata in onda nell’autunno del 2018 – e di 10 film animati, oltre che di numerosi special televisivi. Monkey Punch ne ha realizzato le avventure a fumetti fino al 1985, per poi lasciare i manga successivi ad altri autori. Con Monkey Punch se ne va un pezzo di storia dei manga giapponesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ian Cognito, il comico ha un infarto in scena: il pubblico pensa sia parte del copione e lo lascia morire sul palco

prev
Articolo Successivo

Gennaro Gattuso a Diletta Leotta: “Sei bellissima”. E lei reagisce così

next