Fiammetta Borsellino ha lanciato un appello per salvare Radio Radicale. Il sottosegretario all’editoria Vito Crimi ha infatti annunciato che il “governo non intende rinnovare la convenzione cui convenzione con il Governo”. Da 25 anni, ha detto Crimi, “ha svolto un servizio senza alcun tipo di gara e valutazione dell’effettivo valore di quel servizio”. Decisione che, in un video pubblicato sul sito di Radio Radicale, la figlia del giudice ucciso dalla mafia definisce “incomprensibile e inaccettabile“. “Non si può –  dice ancora – spegnere la voce che per decenni ha garantito trasparenza del dibattito parlamentare e la pubblicità dei più importanti processi penali di questo Paese. Ringrazio Radio Radicale per l’essenziale copertura dei processi Borsellino e quello relativo al depistaggio“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunicazione e web, le pagelle dei politici. Ma nella ‘gara’ social perdono tutti

next
Articolo Successivo

Incendio di Notre Dame, la notizia sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo

next