Agli atti dell’inchiesta di Perugia sui concorsi sulla Sanità (35 indagati, 4 agli arresti domiciliari) le immagini, secondo l’accusa, dei momenti in cui il direttore amministrativo Maurizio Valorosi e il direttore generale Emilio Duca dell’azienda ospedaliera di Perugia passavano i testi delle prove scritte per favorire questo o quel candidato “caldeggiato” dalla politica. Fra gli indagati anche Catiuscia Marini, presidente (Pd) della Regione Umbria.