Il terzo grafico espone la composizione percentuale delle varie tipologie di ricavi delle sei squadre. La voce più consistente sono i diritti televisivi (la riforma ha reso solo un po’ più equa la ripartizione), ricavi che incidono maggiormente per Napoli e Roma. Rimane alto il peso delle plusvalenze; ammontano a 94 milioni per la Juve (il 19%, mentre per la Lazio sono il 33%). Le plusvalenze sono una sorta (peraltro consentita) di artificio contabile  – realizzato tramite la continua compra-vendita dei calciatori spesso senza reali finalità sportive – che aiuta le società a far quadrare i conti: il fatto che se ne faccia uso in abbondanza è un segnale che il sistema-calcio sia in difficoltà.

I costi complessivi delle sei squadre sono aumentati di +10%, passando da 1.685 milioni a 1.854, quelli della Juve ammontano a 506 milioni. La Gazzetta segnala anche che a fronte della lievitazione di costi determinati dall’acquisto di Cristiano Ronaldo, l’indebitamento netto finanziario della Juve è arrivato alla fine dell’anno scorso a 384 milioni e ciò ha indotto la società a lanciare un bond internazionale di durata quinquennale di 175 milioni. Dubito che nessun’altra società abbia una struttura patrimoniale e un assetto societario atti a poter effettuare una simile operazione finanziaria!

Quale conclusione trarre? I dati confermano la tesi iniziale, la Juventus è una sorta di società modello, al pari dei più grandi club europei. Però ci si augura che, per il “bene” del sistema-calcio, aumenti la competitività fra le squadre, compito di cui si dovrebbe far carico il “governo” del calcio (Lega, Federazione).

INDIETRO

Serie A, la Juventus vince perché è una società modello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bergamo, duemila tifosi sfilano contro il daspo al Bocia. C’è anche il deputato leghista Belotti: “Un ergastolo da stadio”

prev
Articolo Successivo

MotoGp, ad Austin vince Rins su Suzuki davanti a Valentino Rossi: Marquez fuori. Dovizioso in testa al Mondiale

next