Salvimaio , il libro di Andrea Scanzi edito da PaperFirst, è tra le opere che hanno ricevuto il premio della critica del “Città di Cattolica-Pegasus Literary Awards, manifestazione internazionale che ha il patrocinio del Parlamento europeo. La giuria di quest’anno – formata da giornalisti, scrittori e attori – guidata da Giuseppe Benelli, già presidente del premio Bancarella.

Il volume risponde alla domanda anticipata già dalla copertina: “Terza Repubblica o dilettanti allo sbaraglio?”. L’autore – firma de Il Fatto Quotidiano – lo descrive così: “Credo che la storia– non so quanto durevole – del Salvimaio meriti qualche riflessione. Senza apocalissi né agiografie, casomai con un po’ di ironia“. Dal libro è anche stato tratto uno spettacolo teatrale dopo il successo (sette ristampe) di Renzusconi, altro libro edito da PaperFirst.

Il primo premio per la narrativa è andato a Patrizia Emilitri con La bambina che trovava le cose perdute (Sperling e Kupfer), il secondo a Giovanna Vivinetto con la silloge poetica Dolore minimo (Interlinea, con presentazione di Dacia Maraini), mentre il Premio Speciale Pegasus è stato assegnato a Micaela Magiera con La bambina sotto il pianoforte (Artestampa). I premi della critica sono stati assegnati, oltre che a Scanzi, a Vincenzo Calia e Sabrina Pisu con Il caso Mattei (Chiarelettere), al regista George B. Lewis con Il mastino (Angerafilm), ad Alvise Lazzareschi con La casa del colonnello (Rizzoli) e a Sandro Calvani con Le stelle non hanno paura di sembrare lucciole (Ave). I premi speciali Logos Cultura vanno a Renato Genovese con Le città labirinto Anno Domini 1630 (Pacini Fazzi) e a Danilo Scanu con La valle delle anime (Europa Edizioni). I superospiti premiati alla carriera o con premi speciali saranno il soprano Maria Dragoni, l’autore televisivo Michele Mozzati (Drive In, Zelig), il medico e ricercatore scientifico Santo Raffaele Mercuri, primario del San Raffaele di Milano. Il Premio Speciale riservato agli operatori culturali è stato assegnato a Lisa Bernardini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alberto Angela, Ernesto Galli della Loggia: “Da quanto tempo non legge un libro di storia? Da anni”

prev
Articolo Successivo

Alberto Angela scrive ‘la storia degli italiani’ e la fa semplice. Per me anche troppo

next