Pensavate che gli influencer “influenzassero” le persone gratuitamente? Manco per sogno. Ormai lo sanno tutti: gli “influenzatori seriali” per sponsorizzare un determinato prodotto o brand guadagnano fior fiori di quattrini. “Quando superi il milione di followers sono migliaia di euro”, ha assicurato Valentina Vignali dentro la Casa del Grande Fratello. Lei è una giocatrice di basket e opinionista televisiva, ma nel corso del tempo si è anche affermata come influencer. Oggi conta quasi 2 milioni di followers.

Il tariffario? La Vignali ha svelato anche quello. “Si va dai 300 euro fino ai 2 o 3 mila euro a post. Dipende, quando superi il milione di follower si parla di migliaia di euro per ogni sponsorizzazione, anche fino a 5 mila euro“,  ha svelato la concorrente agli altri inquilini, che però hanno messo in dubbio la sua popolarità social. “Ma è davvero conosciuta? Questo suo profilo da 2 milioni di follower mi fa strano”, ha commentato il solito Cristian Imparato. “Guarda, io la conoscevo già prima. Non di persona, però sui social mi è capitato spesso di vedere le sue foto. Diciamo che è abbastanza conosciuta”, ha confermato Micheal Terlizzi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

“Per caso ce l’hai dorata?” EH SI!

Un post condiviso da Valentina Vignali (@valentinavignali) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nina Moric inaugura la sua prima mostra da pittrice: “Ma non voglio fare la fine di Van Gogh”

prev
Articolo Successivo

Bari, locale organizza una gara particolare (chissà se avranno “la terribile acqua Bertier”)

next