Le nuove generazioni di medici, avvocati e architetti guadagnano meno di idraulici e babysitter. I nati dopo il 1976  sono i nuovi proletari, lo dicono dati Istat ancora inediti.  Ma se il ceto medio  piange, le grandi famiglie italiane tramontano tra scandali e indifferenza per le sorti del Paese. I racconti di Micheli, Salza e Barzini, le interviste alla Gialappa’s e a Salvatore Esposito di Gomorra

Sabato 13 aprile in edicola con il Fatto Quotidiano
Dal 14 aprile solo FQ MillenniuM a € 3,90

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Truffati banche, Conte: “Nel decreto crescita norme per liquidazione rapida e diretta di tutti i risparmiatori”

next
Articolo Successivo

Libia, Di Maio: “Non diventi tema di campagna elettorale. Italia nel 2011 ha pagato lo scotto di decisioni di altri”

next