Le nuove generazioni di medici, avvocati e architetti guadagnano meno di idraulici e babysitter. I nati dopo il 1976  sono i nuovi proletari, lo dicono dati Istat ancora inediti.  Ma se il ceto medio  piange, le grandi famiglie italiane tramontano tra scandali e indifferenza per le sorti del Paese. I racconti di Micheli, Salza e Barzini, le interviste alla Gialappa’s e a Salvatore Esposito di Gomorra

Sabato 13 aprile in edicola con il Fatto Quotidiano
Dal 14 aprile solo FQ MillenniuM a € 3,90
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Truffati banche, Conte: “Nel decreto crescita norme per liquidazione rapida e diretta di tutti i risparmiatori”

prev
Articolo Successivo

Libia, Di Maio: “Non diventi tema di campagna elettorale. Italia nel 2011 ha pagato lo scotto di decisioni di altri”

next