L’Unione europea prepara la risposta a Donald Trump nella guerra Boeing-Airbus: Bruxelles ha previsto misure di rappresaglia per 20 miliardi di dollari contro i prodotti Usa. Questo il valore della lista indicativa di merci americane che saranno sottoposte a dazi, predisposta dalla Commissione Ue in risposta agli 11 miliardi di merci europee – tra cui Pecorino e Prosecco – che Washington ha annunciato di voler colpire qualche giorno fa. Secondo quanto apprende l’Ansa la lista, trasmessa oggi per esame ai singoli Stati membri, verrà ufficialmente pubblicata mercoledì e sottoposta a consultazione.

Gli Stati Uniti hanno annunciato che prima di rendere effettivi i dazi attenderanno che il Wto stimi il valore di quelle che vengono definite ‘contromisure’ rispetto ai sussidi europei ad Airbus. Un tema che, insieme a quello degli aiuti dati, secondo l’Ue, da Washington alla Boeing è da 14 anni al centro di un forte contenzioso. Secondo gli Usa, infatti, i sussidi ad Airbus danneggiano la compagnia Boeing, che tra l’altro è entrata in crisi per i problemi al 737 Max che hanno causato l’incidente in Etiopia. “La Ue si è approfittata degli Usa sul commercio per molti anni. Questo finirà presto”, ha twittato Donald Trump. La ‘black list’ dell’amministrazione Trump ha provocato la risposta di Bruxelles che ha bollato le misure come “esagerate” e preparato la replica, in base alle regole Wto, pur restando “aperta a discutere” con gli Usa ma senza precondizioni.

Allo stesso tempo, il Consiglio Ue ha raggiunto un’intesa di principio, nonostante l’opposizione della Francia, sul mandato negoziale per un ‘mini accordo’ commerciale con gli Usa per l’eliminazione delle tariffe doganali sui beni industriali. Dopo l’intesa di principio raggiunta giovedì a livello degli ambasciatori, lunedì prossimo è atteso l’ok formale senza discussioni. E, anche se Parigi non ha ancora definito la sua posizione, sia un’eventuale astensione che un voto contrario non avrebbero impatto, in quanto non serve l’unanimità ma la maggioranza qualificata per far passare il mandato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Industria, Bloomberg: “Nel primo trimestre dall’Italia il maggior contributo ad aumento produzione nell’Eurozona”

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Tridico: “Accolte il 75% delle domande. Finora ok a 480mila assegni. Importo medio da 520 euro”

next