In collegamento da Rotterdam, Asia Argento è intervenuta nel corso dell’ultima puntata di Live – Non è la D’urso per replicare alle accuse mosse la settimana scorsa nei suoi confronti dall’ex compagno Morgan“La vita con lui era invivibile. Ha detto quelle cose per non fare la figura da fesso che è”, ha detto l’attrice spiegando i motivi per cui la relazione con Marco Castoldi non ha funzionato. “Come prova dell’importanza che hanno le figlie per lui ha fatto vedere una scritta sul muro. Io non l’ho abbandonato io ho lasciato Morgan perché la vita con lui era invivibile. Lo perdono per il passato anche perché sarà Anna Lou o Lara a portargli il conto in futuro”.

La D’Urso a questo punto le ha fatto ascoltare un audio di Vittorio Sgarbi che dichiara di aver parlato con Morgan della vicenda Weinstein, affermando che Asia era consenziente: “La roba di Weinstein mi ha disgustata. Non ci sono parole. Marco non ha mai vissuto in America con me, è venuto due o tre volte perché gli ho pagato il biglietto. L’unica volta che Morgan ha visto Weinstein è perché lui si imbucò a un mio compleanno e mi portò dei gioielli, mi vergognai di questo perché rifrequentavo Morgan da pochi mesi. Quando diceva che non tornavo con i lividi è una cosa disgustosa, lui ha detto quelle cose per non fare la figura da fesso che è. Io avevo un assistente e una tata che lavoravano con me in quel periodo che potrebbero testimoniare quello che mi è accaduto. Marco è un incontinente, è tragicomico, fa ridere”.

Poi, continuando a parlare del caso Weinstein, Barbara D’Urso ha mandato in onda anche un’intervista di Vittorio Feltri a Le Iene, in cui diceva: “Io non credo in Dio figurati se credo a Asia Argento”. Asia ha raccolto la solidarietà di tutti gli opinionisti in studio e ha replicato: “Io l’ho querelato per queste parole ignobili, ci rivedremo in tribunale”. Poi ha concluso lasciando aperto uno spiraglio per Morgan: “Marco manca ad Anna, ma manca anche a me, mi piacerebbe riaverlo come amico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pamela Prati replica alle accuse sul finto matrimonio e sul fidanzato fantasma: “Ecco tutta la verità”

next