“E’ il momento più felice della mia vita, finalmente ho incontrato l’altra mia metà, il marito che ho sempre desiderato. Ci siamo conosciuti a una cena, ci siamo guardati e da lì non ci siamo più lasciati ipnotizzati uno dell’altra. Io ho le sue foto ma se una persona non vuole comparire perché deve comparire?”, esordisce così Pamela Prati a Live-Non è la D’Urso in risposta alle polemiche sul suo matrimonio, diventato un caso dopo l’inchiesta di Dagospia.

La showgirl diserta la studio e si mostra solo per pochi minuti in un’intervista con una inviata: “Noi non siamo sposati, abbiamo fatto la promessa di matrimonio e non risulta perché l’abbiamo fatta all’estero. C’è la data in cui ci sposeremo davanti a Dio, comparirà quel giorno e mi farà questo regalo. Avere una famiglia è bellissimo perché è quello che ho sempre desiderato da bambina, ho scelto di proteggere questa storia dalle dicerie. Chi non crede è un loro problema, io sono vera, la nostra storia è vera. Noi ci amiamo da morire, è un vostro problema se non ci credete.”

Mark Caltagirone apparirà. Ha un’esclusiva per un’intervista insieme a Pamela in un altro programma della rete. Quando vedrete le immagini del matrimonio allora ci chiederete scusa. Se una persona non vuole comparire non è obbligata ”, hanno dichiarato le due manager Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo, presenti in studio. Il programma in questione è Verissimo che avrebbe acquistato prima dello scandalo l’esclusiva televisiva del matrimonio.

Nel corso della serata, la D’Urso ha trasmesso una lettera del misterioso imprenditore Mark Caltagirone, sulla cui esistenza circolano molti dubbi: “Sono un po’ amareggiato da tutta questa vicenda. Ma quello che mi rammarica di più è che si sia pensato che ad un’artista come la Prati servisse una storiella per ritornare in tv. La Prati è in tv da 40 lunghi anni ed è stimata e rispettata da tutti, non le serviva di certo Marco per tornare a sedersi nella scatoletta magica. Come sempre io non voglio comparire in teatrini montati ad arte da qualche sito web per attaccare inutilmente le persone perché, con tutto il rispetto, non penso che alle persone importi con chi mi scambiavo sms e battute su Facebook prima di stare con Pamela. Poteva essere una donna di politica come una cittadina comune, ma ringraziando Dio non mi è mai servito alcun favore da nessuno.”

Per poi concludere: “Tutelerò sempre la mia privacy perché credo che apparire o meno sia una scelta personale. Un’ultima cosa, non sono i certificati a dire a un bambino può chiamarmi papà o meno. I figli di chi li ama e chi li cresce. Se volete farci gli auguri sapete che siamo una bella famiglia e spero sia l’ultima volta che lo si mette in dubbio. In caso contrario rimanete nelle vostre convinzioni perché né io né Pamela avremo più voglia di rispondere a nulla”.

Nel corso della trasmissione in onda su Canale 5 le manager della Prati sono incappate in altre incongruenze. Non viene mostrato nessun documento per attestare l’esistenza di Mark Caltagirone, nessun estratto di matrimonio (poi smentito anche dalla Prati) non forniscono nessuna risposta alla Bausone, politica calabrese del Pd, che accusa le due manager di aver creato il finto imprenditore a scopo di marketing e di pressione politica. A sorpresa anche la tronista Rosa Perrotta che doveva sostenere la Prati scivola: “Non conosco bene la signora Prati con cui per caso sono andata in vacanza. Neanche sapevo che era il suo addio al nubilato. Marco Caltagirone non so chi sia, sono stata invitata alle nozze ma non so perché”. La quinta puntata di Live-Non è la D’Urso è stata vista da soli 2.369.000 e il 13,2% di share.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Emanuele Filiberto: “Mi vedo con la vedova di Johnny Hallyday perché…”

prev
Articolo Successivo

Asia Argento contro Morgan: “È un incontinente. La vita con lui era invivibile”

next