Ciao Darwin è tornato in onda su Canale 5 ma un episodio accaduto durante l’ultima puntata ha scatenato la rabbia degli animalisti, che hanno denunciato alla Questura di Trapani Paolo Bonolis e gli autori del programma per maltrattamenti di animali. Durante la sfida tra Giuliette e Messaline la prova di coraggio prevedeva l’ingresso delle due concorrenti in una teca con alcune iguane, cosa che non è stata gradita dal Nucleo Operativo Tutela Animali, (Noita). La onlus sostiene infatti che i rettili sarebbero stati vittime di maltrattamenti perché tenuti in gabbia in condizioni non compatibili con la loro natura. Non solo, ad aggravare il quadro, dicono dal Noita, c’è il fatto che tutto questo è stato fatto solo per intrattenimento televisivo.

Come spiega il Noita in un post su Facebook, “la condotta viola le linee guida formulate dalla Anmvi (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) per il corretto inserimento degli animali in televisione, visto che nel presente caso i poveri animali vengono utilizzati come oggetti per spaventare i concorrenti, in un ‘gioco’, se così può chiamarsi, barbaro, e senza alcun rispetto della logica della promozione del rispetto degli animali e della sensibilizzazione alla conoscenza delle specie, ed anzi contravvenendosi al divieto (sempre ivi incluso) di fare un uso in tv di animali che li sottoponga a stress o che neghi la loro dignità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lucio Presta contro Heather Parisi: “È malata e ha fatto una cosa che non doveva fare ai miei figli”. Lei replica: “Sua amicizia più marcia del suo odio”

next