“Non si può dire che l’esperienza di Ignazio Marino da sindaco di Roma sia stata chiusa dalla vicenda scontrini, perché su quello gli attacchi venivano dai M5s, da uno che portava le arance e ora è agli arresti (l’ex presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito, ndr)”. A rivendicarlo l’ex premier ed ex segretario Pd Matteo Renzi, presentando il suo libro alla libreria Nuova Europa, a Roma. “Sono contento che Marino sia stato assolto, ero contento per la Raggi, l’ho anche chiamata perché non possiamo fare politica facendo processi ma sconfiggendoli alle urne e l’incapacità della Raggi è sotto gli occhi di tutti”. Il senatore Pd ha così rivendicato: “Su Marino il Pd di Roma e i consiglieri scelsero le dimissioni per il suo lavoro amministrativo, fu una scelta politica. Falso che la motivazione fossero gli scontrini”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Def, Boccia a Borghi: “Pieno di promesse negate, persino Machiavelli impallidirebbe”. “Sono previsioni, da sempre”

next
Articolo Successivo

Def, Renzi: “Governo mette le mani in tasca agli italiani. Flat tax non esiste, aumenteranno tasse e Iva. Una sceneggiata”

next