Fedez ha deciso di staccare la spina per fermarsi per un po’, allontanandosi dall’Italia. Tra l’impegno come giudice a “X Factor” per cinque anni consecutivi, il matrimonio con Chiara Ferragni, la nascita di Leone, il progetto con J-Ax culminato a San Siro il primo giugno scorso (è stato il più giovane artista italiano ad esibirsi in quello stadio), il nuovo album solista “Paranoia Airlines” e il tour annesso, ora è il momento di concentrarsi su altro. Il cantautore infatti ha annunciato, in occasione del concerto al MediolanumForum di Assago (Milano) l’8 ottobre, di volersi prendere una bella pausa, a iniziare dal tour: “Dovevamo fare il secondo Forum, ma non è stato possibile perché i giorni liberi dell’organizzazione del palazzetto non coincidevano con i miei. L’Arena di Verona non la faremo, non era nemmeno stato annunciato. Ho fatto il sold out in vari concerti durante questo tour, ma non mi interessa comunicare i tutto esaurito, mi interessa che lo show piaccia. Sono molto soddisfatto di come è andata”.

Quindi cosa accadrà adesso nella vita di Fedez, che compirà 30 anni il prossimo ottobre? “Andrò a Los Angeles, era giusto chiudere così. Mi fermerò, come ogni altro ciclo vitale questo disco aveva il suo ed è finito. – ha dichiarato – Farò tante cose, ne ho tante in ballo, di sicuro per il tour non faccio più niente. Ho anche progetti imprenditoriali da sviluppare, sto lavorando su idee importanti e complesse, ma se si realizzeranno rappresenteranno un bel cerchio che si chiuderà per me e nuove opportunità che si apriranno”.

Nello specifico l’intenzione dell’imprenditore-artista è quella di seguire il percorso della start up “che sta entrando in un fondo abbastanza grande, come Zerogrado, con la quale forniamo servizi per le aziende. Mi dedicherò a questo, sto discutendo cose che riguardano la mia società NewTopia, ormai diventata una holding familiare. Sto terminando il libro illustrato per bambini. Ho scritto la storia, il ricavato andrà a scopo benefico. Continuerò con Soundreef, la start up indipendente sui diritti d’autore con la quale ho un contratto ancora per 6 mesi. Continuerò a lavorare con loro anche dopo perché non sono solo un artista, ma anche un consulente marketing e direi che è andata molto bene visto che era una start up che doveva fare la guerra alla Siae – ha concluso – Siamo partiti da zero e oggi siamo un duopolio, per me è stato un grande banco di prova”.

Quindi per ora in programma ci sono gli ultimi due concerti (sabato 13 aprile a Padova e domenica 14 aprile a Conegliano), poi le luci dei riflettori italiani si spegneranno e si accenderanno le luci della grande America. Los Angeles accoglierà sia Chiara Ferragni, che già da anni lì ha aperto diverse attività come imprenditrice, e il marito Fedez che si cimenterà in altri progetti. Ad accompagnarli ci sarà Leone che ormai è diventato una vera e propria star su Instagram, e proprio a lui Fedez ha dedicato lo show di Milano: “Il suo primo concerto, quello di papà, spero di renderti orgoglioso“. Sembra proprio che Fedez sia pronto per una nuova vita, lontano dal clamore italiano e lontano dal palco live.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pamela Prati, la storia del matrimonio e dei figli in affido è avvolta nel mistero: ecco le incongruenze del “Prati-Gate”

next
Articolo Successivo

Totthenham-Manchester City, la gaffe post partita di Ilaria D’Amico

next