Si è sbloccato lo stallo sui rimborsi ai risparmiatori truffati dalle banche. Diciassette sulle 19 associazioni che rappresentano azionisti e obbligazionisti invitate al tavolo a Palazzo Chigi con il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Giovanni Tria hanno dato il loro benestare alla proposta del presidente del Consiglio, mentre Noi che credevamo in Bpvi e il Coordinamento Don Torta hanno detto no perché prima vogliono poter esaminare i decreti attuativi. Il punto di caduta è l’accordo trovato nelle scorse settimane da Tria con la commissaria Ue Margrethe Vestager, i cui contenuti sembravano non piacere al vicepremier Luigi Di Maio: risarcimenti automatici per chi ha un reddito imponibile 2018 fino a 35mila euro oppure un patrimonio mobiliare fino a 100mila euro. Al di sopra di queste cifre si procederà con un arbitratostandardizzato“, affidato a una commissione tecnica di 9 esperti indipendenti in cui siederanno magistrati, avvocati dello Stato ed ex arbitri Consob e Bankitalia.

di A. Sofia

Come anticipato nei giorni scorsi da fonti del Tesoro, per effetto di questa “deroga sociale” alla normativa sul bail in il 90% della platea dei risparmiatori coinvolti otterrà il rimborso automatico di una cifra fino al 30% del costo d’acquisto delle azioni e fino al 95% dell’investimento in obbligazioni. Con ogni probabilità, domani in Cdm dovrebbe arrivare un decreto per sbloccare la situazione. Poi serviranno i decreti attuativi firmati dai tecnici del Mef che modificheranno la legge di Bilancio, nella quale era stato definito il fondo da 1,5 miliardi di euro spalmati su tre anni. “Ha vinto la linea Tria? No, ha vinto la linea dei truffati. Non c’è una linea Tria, Conte, di Bruxelles”, ha precisato Conte nel pomeriggio a margine di un evento alla Triennale di Milano.

Al termine del tavolo – a cui erano presenti anche il ministro Riccardo Fraccaro e il sottosegretario Alessio Villarosa – il sottosegretario Massimo Bitonci ha spiegato le prossime mosse: “Ora ci sarà una modifica alla legge di bilancio, con il doppio binario flessibile” che consentirà comunque per tutti per un rimborso “massivo e forfettario, penso sia una grande apertura da parte della Commissione Ue, grazie al lavoro fatto da Tria, dagli uffici, dai sottosegretari. E’ forse la prima volta che la Ue dà la possibilità di un rimborso massivo”. Dopo l’ok alla norma ci sarà “subito il decreto attuativo”. Intanto è saltato il vertice sul Def che avrebbe dovuto tenersi a ora di pranzo: una riunione con ogni probabilità si terrà martedì, al rientro dal presidente del Consiglio da Milano e prima del Cdm convocato alle 16:30.

“Non ci hanno fatto leggere la bozza, ci hanno descritto qualcosa”, ha detto Luigi Ugone, presidente dell’associazione Noi che credevamo in Bpvi, spiegando il suo no. “Non avendo visto nulla, non mi prendo la responsabilità di firmare. Non sappiamo come andrà avanti la questione. Al momento i numeri del Mef non sono chiari ma restiamo aperti al confronto se vi fossero gli spazi”.

Il Movimento per la difesa del cittadino (Mdc), una delle associazioni che hanno partecipato all’incontro, ritiene “assolutamente indispensabile evitare contestazioni di sorta da parte della Commissione e l’eventuale apertura di una procedura d’infrazione, che potrebbe esporre i risparmiatori al rischio di dover restituire l’indennizzo percepito”. “Poiché ci pare che quanto ci venga richiesto sia accettabile (erogazione di rimborsi diretti ed automatici ai risparmiatori con reddito Isee inferiore 35 mila euro o patrimonio mobiliare inferiore a 100 mila) – spiega Matteo Moschini, rappresentante in Veneto del Mdc – riteniamo opportuno che la normativa da emanare debba essere quella su cui il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha ottenuto l’accordo con la Commissione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piaggio Aerospace, la parabola del gioiello dell’aeronautica: dall’ingresso di Abu Dhabi ai mille dipendenti in cassa

prev
Articolo Successivo

Def, verso taglio di 2 miliardi a spese dei ministeri: 481 milioni in meno per aziende, 300 per trasporti, 70 per atenei

next