Bufera nel Regno Unito sulle forze armate e nel mondo politico per le immagini di un video circolato sui social media nel quale un gruppo di soldati fanno tiro al bersaglio su una sagoma raffigurante il leader dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn, storico sostenitore della causa pacifista. L’episodio, potenzialmente minaccioso e comunque dal sapore intimidatorio, è stato condannato come “totalmente inaccettabile” da un portavoce militare e da esponenti del governo Tory, mentre il ministro della Difesa, Gavin Williamson, ha promesso l’avvio di un’inchiesta interna che secondo la Bbc è già in corso.
Difficile per i media determinare l’origine delle immagini, che secondo alcuni potrebbero essere state girate tra militari britannici in Afghanistan. Jess Phillips, deputata del Labour spesso dissidente dalla linea Corbyn, ha denunciato l’accaduto come il frutto di un clima “odioso e irresponsabile”, mentre la ministra ombra corbyniana Angela Rayner ha chiesto trasparenza e che i risultati dell’indagine siano resi “pubblici”.

Video Facebook/PigGate2

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nasrin Sotoudeh, perché il suo caso in Iran è diverso dagli altri

prev
Articolo Successivo

Yemen, Ahmed e i bambini-soldato: reclutato da Riyad per cucinare, inviato in prima linea a combattere gli Houthi

next