Bufera nel Regno Unito sulle forze armate e nel mondo politico per le immagini di un video circolato sui social media nel quale un gruppo di soldati fanno tiro al bersaglio su una sagoma raffigurante il leader dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn, storico sostenitore della causa pacifista. L’episodio, potenzialmente minaccioso e comunque dal sapore intimidatorio, è stato condannato come “totalmente inaccettabile” da un portavoce militare e da esponenti del governo Tory, mentre il ministro della Difesa, Gavin Williamson, ha promesso l’avvio di un’inchiesta interna che secondo la Bbc è già in corso.
Difficile per i media determinare l’origine delle immagini, che secondo alcuni potrebbero essere state girate tra militari britannici in Afghanistan. Jess Phillips, deputata del Labour spesso dissidente dalla linea Corbyn, ha denunciato l’accaduto come il frutto di un clima “odioso e irresponsabile”, mentre la ministra ombra corbyniana Angela Rayner ha chiesto trasparenza e che i risultati dell’indagine siano resi “pubblici”.

Video Facebook/PigGate2

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nasrin Sotoudeh, perché il suo caso in Iran è diverso dagli altri

next