“Si è sviluppato anche un senso politico tra i ragazzi in questi anni”. Tommaso Cotellessa è il combattivo rappresentante di istituto del liceo classico Cotugno dell’Aquila. Diciotto anni, penultimo anno di liceo e una storia esemplare della capacità di resilienza e visione dei giovani aquilani ‘nativi del terremoto’. Quella tragica notte Tommaso aveva 8 anni, dopo le prime scosse aveva cercato riparo tra le coperte dei suoi genitori. Si è salvato assieme a tutta la sua famiglia. Tanti ragazzi che oggi avrebbero la sua età oggi non ci sono più, e chi è rimasto ne sente tutta la responsabilità. “È vero, L’Aquila non sarà più la stessa, ed è per questo motivo che molti hanno deciso di andarsene. Ma per chi è cresciuto tra le macerie è diverso, è una questione di appartenenza e comunità. Paradossalmente la sfiducia totale nelle istituzioni ha prodotto in molti di noi ‘nativi’ del terremoto a una maggiore voglia di fare politica, intesa come impegno per la comunità: non vogliamo perdere l’occasione di contribuire alla rinascita di una città migliore”. Dopo anni in giro tra soluzioni abitative temporanee, Tommaso è tornato nella sua casa: “A crescere così ci si sente come profughi, e con loro si condivide la sensazione di essere ‘ultimi’, ma anche la stessa ‘fame’ di un futuro migliore”. Crescere maturando la capacità di adattamento sembra aver reso immuni questi ragazzi dalla propaganda: “Abbiamo capito il vero senso della politica osservando proprio le lacune istituzionali: chi resta indietro deve mettersi assieme e rimboccarsi le maniche, ed è quello che in tanti vogliamo fare per ricostruire il tessuto sociale della città, rimasto sepolto sotto le macerie”.
(Immagini d’archivio: Diodato Salvatore)
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, pacco bomba per la Appendino. Questura: “Poteva esplodere. Gesto riconducibile ad anarchici”

prev
Articolo Successivo

Terremoto L’Aquila, 10 anni dopo: il provvisorio è per sempre. Luoghi simbolo (e ritardi) di una città che non si arrende – Videoracconto

next