Camminando per le vie del centro di Milano può capitare di imbattersi nei volti di Romano Prodi, Massimo D’Alema, Pierluigi Bersani ed Enrico Letta raffigurati in una veste piuttosto insolita. Non si tratta però di nuovi manifesti elettorali, bensì dell’ultima istallazione dello street artist Beast, che ha creato degli esilaranti fotomontaggi in cui i principali esponenti della sinistra italiana vengono ritratti con il corpo da donna anziana in posa da pin up, velato da lingerie audace e tacchi a spillo. “Need Politics?” e “Alive & Kickin” (“C’è bisogno di politica?” e “Vivo e vegeto“) sono i titoli delle creazioni con cui l’artista ha voluto replicare ironicamente un’autopromozione dei protagonisti in vista dell’imminente campagna elettorale per le elezioni europee di fine maggio. Alcuni di questi pannelli, che sostituivano dei veri cartelloni pubblicitari di alcuni totem di Milano, sono già stati rimossi, altri invece rimangono in vista.

Beast prosegue cosi la serie di fotomontaggi a tema politico che i milanesi hanno imparato a riconoscere nel corso degli anni. Dal Matteo Renzi incorniciato in foglia d’oro, al tanto discusso Salvini-Hitler dell’estate scorsa, fino al Di Maio body builder di pochi mesi fa, Diventano sempre più numerosi, e incondizionati da tutti gli schieramenti politici, i suoi interventi nelle strade di Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Carlo Cracco rivela: “Se il format prevede che tu faccia il cattivo, tu fai il cattivo. Picchi di ascolto sempre con le mie sfuriate”

next
Articolo Successivo

Viola Valentino rivela: “Combatto contro un tumore da tre anni. Mi hanno detto: ‘Bisogna operare d’urgenza’”

next