“Lorella e Rosy sono l’esempio di un’importante evoluzione culturale, nelle Forze armate e nel nostro Paese”. Dopo la notizia dell’unione civile tra Lorella, tenente di vascello, e Rosa Maria, maresciallo, avvenuta il primo aprile a La Spezia con tanto di picchetto d’onore, è intervenuta anche la ministra della Difesa Elisabetta Trenta. La titolare del dicastero ed esponente del M5s ha scritto un post su Facebook: “Volevo rivolgere i miei più sinceri auguri a Lorella e Rosy”, ha scritto. “Sono stata davvero felice di vedere le immagini del vostro giorno più bello, con le famiglie riunite e tanta gioia nei vostri sguardi”. La foto della cerimonia, diffusa nelle scorse ore, è stata condivisa migliaia di volte in rete.

Entrambe amanti dei cani, ne hanno cinque. E il primo aprile è toccato al più piccolo – Ginevra, un bulldog inglese – portare le fedi, che erano appoggiate sul dorso.  Non appena pronunciata la formula di rito è scoppiato l’applauso: le due militari si sono scambiate un bacio e dagli ospiti qualcuno ha gridato: “E’ fatta!”. Cristina Romani, delegata del comune di La Spezia che ha celebrato l’unione, ha scritto su Facebook: “Onorata e fiera di avervi sposate. Ho sempre vissuto controcorrente, ho sempre pensato che l’amore deve essere rispettato in tutte le sue forme perché amare è il sentimento più bello che possa capitare ad un uomo”.

Michela Pascali, vicepresidente di Polis Aperta (associazione che unisce gay e lesbiche in divisa), ha lanciato un appello dalle pagine del Corriere della Sera: «I regolamenti dicono che i 15 giorni di congedo straordinario sono previsti per il matrimonio: in assenza di una direttiva nazionale però non tutti i dirigenti lo estendono alle unioni civili». E quindi ha chiesto che anche a Lorella e Rosy siano concessi i 15 giorni di stacco.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Congresso delle famiglie, grazie all’adunata ‘nera’ siamo rinati

next
Articolo Successivo

Ius Soli, gli “orfani” della legge in piazza il 9 maggio: “Non considerati pienamente umani. È solo il primo appuntamento”

next