Il Comune di Amsterdam ha deciso di vietare i tour guidati del quartiere a luci rosse per ridurre il caos di turisti ed alleviare la vita degli abitanti ma questo ha scatenato la rivolta delle prostitute e dei lavoratori del settore. Il sindacato dei “sex workers“, Proud, è preoccupato per due motivi. Primo, la scelta potrebbe ridurre la presenza di visitatori, con ricadute sull’economia delle attività della strada. Secondo, senza il controllo e le indicazioni delle guide olandesi, i turisti potrebbero trattare in modo meno rispettoso le donne che si esibiscono nelle vetrine, magari anche facendo foto senza conoscere le regole della zona. Il divieto di tour guidati, alcuni organizzati dallo stesso Prostitution information center di Amsterdam, entrerà in vigore a gennaio 2020, ed è stato uno degli ennesimi tentativi della città di controllare la massa di turisti che si riversa soprattutto nel quartiere a luci rosse, da sempre meta di richiamo anche solo dei curiosi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ultimo: “Dicevano che ero marcio dentro e mi mandarono da una per farmi curare”

next
Articolo Successivo

Lamberto Sposini “conteso” tra Barbara D’Urso e Mara Venier: un post su Instagram scatena la polemica

next