Fabrizio ha chiaramente dei problemi da curare“. Non usa giri di parole Gabriella Previtera, madre di Fabrizio Corona, parlando con Massimo Giletti a Non è L’Area su La7, dove domenica sera è stata ospite. Pochi giorni dopo il ritorno in carcere del figlio, Gabriella ha raccontato alcuni particolari inediti sulla vita dell’ex re dei paparazzi e ha spiegato come il loro rapporto nel tempo si sia rovinato: “Prima c’era un grandissimo amore e stima reciproca… Poi ultimamente si è allontanato da me perché io rappresento per lui la sua coscienza, tutto quello che lui era, che io desideravo che fosse”.

Poi ha rivelato: “Fino a 20 anni era un ragazzo normale, poi ha incontrato delle persone sbagliate e ha conosciuto il dio denaro. Non voglio che soffra ancora, deve lasciare il personaggio Corona. Fabrizio è destinato a soffrire ancora perché il suo personaggio va contro le regole e non può non osservarle, ma lui non lo capisce e non c’è nessuna possibilità di farglielo capire”.

“È come – ha continuato Gabriella –  se lui mi tenesse a distanza per proteggermi. Io sono qui (da Giletti su La7 ndr.) perché lei ha aiutato Fabrizio e ha cercato di far emergere la sua parte bella. Ha dato a lui la possibilità di fargli fare cose belle riempiendomi d’orgoglio. Fabrizio ha avuto una bella adolescenza, poi ha avuto un lungo periodo disastroso in cui si è perso, ma io ho la certezza che ci sarà un’altra tappa nella sia vita dove lui sarà un uomo vero e capace di essere diverso“.

Ora toccherà ai giudici del Tribunale di Milano stabilire se Corona dovrà finire di scontare la sua pena in carcere o se potrà invece tornare in libertà: “Adesso che sono andata a trovarlo ha preso consapevolezza che questa volta ha esagerato ed è stato carnefice di se stesso. Lui deve essere curato, sono anni che lo dico. Non si rende conto che certi comportamenti lo portano in carcere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cristiano Ronaldo, dopo la cura per la calvizie arriva la pasticceria a Torino

next