E’ stata una bruttissima cosa. Io non l’ho vista, ero a prendere il David di Donatello, ma mi hanno raccontato cosa è accaduto. La D’Urso non si è comportata benissimo? Sì. E’ stato brutto che l’hanno insultata, trattata male. Lei è una donna con una grande forza, un grande carattere, una persona bravissima. Io le voglio molto bene, insieme abbiamo fatto tanti film, abbiamo condiviso molte cose importanti”: con queste parole Dario Argento ha commentato l’ospitata della figlia Asia a Live-Non è la D’Urso e lo ha fatto a microfoni di Rai Radio2 durante la trasmissione I Lunatici. Il regista ha poi raccontato una curiosità sui suoi film: “Nei miei film la mano dell’accoltellatore è sempre la mia. E’ una cosa che viene da lontano, dal mio primo film. C’era una persona che doveva interpretare l’assassino, ma il pugnale non lo portava bene, lo portava in modo maldestro. Allora ho detto che l’avrei fatto io, l’ho fatto bene e da quel momento in poi ho iniziato a farlo io e ho mantenuto questa cosa in tutti i miei film. In ogni mio film la mano che uccide è sempre la mia. E’ una specie di firma“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scompare a tre anni mentre gioca vestito da Spiderman: era a casa della nonna con i genitori adottivi

next
Articolo Successivo

Alessandra Mussolini a Jim Carrey: “Sei un bastardo”

next