In carcere per 14 anni: è questa la condanna chiesta dalla procura di Torino per i quattro componenti della ‘banda dello spray’ accusata di aver scatenato il panico in piazza San Carlo la sera del 3 giugno 2017 durante la proiezione su maxischermo della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid. Nella calca rimasero ferite 1672 persone e ci furono due vittime: Erika Pioletti morì dopo 12 giorni in ospedale e Marisa Amato, morta due mesi fa, dopo oltre un anno e mezzo di cure.

Il procedimento a carico dei quattro giovani italiani di origine marrocchina si celebra con il rito abbreviato. Sono accusati di omicidio preterintenzionale, rapina aggravata e lesioni. I pm Roberto Sparagna e Paolo Scafi hanno calcolato la pena in 14 anni e 20 giorni per tre imputati e in 14 anni e otto giorni per il quarto.

La ‘banda dello spray’ è accusata di aver commesso rapine durante concerti ed eventi di piazza a Torino e in altre città italiane ed europee. Nel procedimento riguardante questi fatti i 10 componenti presenteranno proposte di patteggiamento: condanne che, a seconda delle singole posizioni, spaziano dai 4 anni e 8 mesi ai 2 anni e 6 mesi di reclusione. In un altro processo per disastro, lesioni e omicidio colposo per le presunte carenze nell’organizzazione e nella gestione della serata sono invece imputati la sindaca Chiara Appendino, l’ex questore Angelo Sanna e altre 13 persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sangue infetto, Poggiolini e altri nove imputati assolti dall’accusa di omicidio colposo plurimo: “Il fatto non sussiste”

prev
Articolo Successivo

Igor il russo condannato all’ergastolo. Ma in Italia non andrà (probabilmente) mai in galera: “Lo vedremo solo in tv”

next