Sabato 23 e domenica 24 marzo tornano le Giornate Fai di Primavera: per guardare l’Italia come non abbiamo mai fatto prima e costruire un ideale ponte tra culture. Mille e cento siti in 430 località diverse, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta apriranno le loro porte ai cittadini. Giunta ormai alla ventisettesima edizione, la manifestazione si è trasformata in una grandiosa festa per un pubblico vastissimo, che attende ogni anno di partecipare a questa cerimonia collettiva, appuntamento irripetibile del nostro panorama culturale che a partire dal 1993 ha appassionato quasi 11 milioni di visitatori.

Abbiamo selezionato per voi dieci luoghi nascosti nei Comuni più piccoli d’Italia.

Giornate Fai di Primavera, 10 tesori nascosti nei Comuni più piccoli d’Italia

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siamo davvero chi vogliamo essere? C’è una sola regola da rispettare per vivere liberi

prev
Articolo Successivo

Sbarco sulla Luna, il giornalista Tito Stagno: “Non ci andrei mai, odio viaggiare. Marte? Io non ci credo molto”

next