“La devi smettere di parlare male della Cina”. Questa la frase ripetuta più volte all’indirizzo della giornalista del Foglio Giulia Pompili da Yang Han, portavoce dell’ambasciata cinese a Roma. poco prima della conferenza stampa di venerdì dei presidenti Mattarella e Xi Jinping. A denunciare l’accaduto un editoriale del direttore del Foglio Claudio Cerasa.

I due, racconta Cerasa “si sono incontrati per caso. Un funzionario del Quirinale stava accompagnando la giornalista che si occupa di Asia per il nostro giornale alla sala, e le ha chiesto il suo nome. Lei ha risposto, e Yang l’ha guardata” pronunciando due volte la frase incriminata. “La nostra cronista – continua Cerasa – ha pensato fosse un commento non benevolo, ma nemmeno eccessivamente serio, e ha sorriso”.

Qui la situazione si è fatta ancora più tesa. Continua Cerasa: “Yang le ha ripetuto: ‘Non devi ridere. La devi smettere di parlare male della Cina’”. Il direttore del Foglio racconta poi la sorpresa della cronista quando, di fronte a una persona mai vista prima, Pompili ha cercato di presentarsi all’interlocutore: “Yang Han ha rifiutato di darle la mano e le ha detto in tono allusivo: ‘E comunque so benissimo chi sei'”. Pochi istanti dopo un secondo episodio: “Quando la giornalista del Foglio ha tirato fuori il suo telefonino dalla tasca, Yang le si è avvicinato di nuovo, molto vicino, a muso duro, intimandole di metterlo via”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sorpresa! Instagram diventa Amazon: perché è una buona idea. O forse no

next