L’ex campione del mondo di ciclismo Mario Cipollini, 52 anni è stato rinviato a giudizio dal gup di Lucca. I reati a lui contestati sono quelli di maltrattamenti e stalking nei confronti della ex moglie. La prima udienza del processo, che si terrà a Lucca, è stata fissata per il 28 giugno. Tutto era cominciato due anni fa, nel gennaio 2017, dopo la denuncia dell’ex moglie, Sabrina Landucci. In particolare, la donna, aveva denunciato il ciclista accusandolo di averla aggredita, verbalmente e fisicamente. Tutto sarebbe avvenuto in una palestra di Lucca, dove Cipollini, davanti ad alcuni testimoni, avrebbe afferrato per il collo l’ex compagna e le avrebbe sbattuto la testa contro un muro.

La donna era poi andata in ospedale dove aveva ricevuto una prognosi di sette giorni. E minacce sarebbero state rivolte anche al nuovo compagno della Landucci, l’ex calciatore di Chievo, Siena e Lucchese Silvio Giusti. Il primo pubblico ministero che si era occupato della vicenda, dopo l’esposto, aveva chiesto l’archiviazione del caso ma gli avvocati della donna si erano opposti e il nuovo pm, Sara Polino, aveva invece chiesto il processo per l’ex velocista. Richiesta oggi accolta dal giudice per l’udienza preliminare.

Tra l’altro si tratta del secondo rinvio a giudizio per Cipollini nel giro di pochi mesi. Nel dicembre scorso per l’ex campione era stato deciso il processo, con l’accusa di lesioni e minacce, questa volta nei confronti della sorella, Tiziana Cipollini. Re Leone dovrà comparire in aula per questo processo, e difendersi dalle accuse della sorella, nel mese di luglio. Secondo gli inquirenti, l’avrebbe afferrata per i polsi con forza e poi l’avrebbe stretta al torace. In quel frangente l’avrebbe anche minacciato lei e altri componenti della famiglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, ArcelorMittal condannata per comportamento anti-sindacale. “Ignoti i criteri di scelta di assunti ed esuberi”

prev
Articolo Successivo

Diffamazione, gip ordina imputazione coatta per il senatore M5s Giarrusso

next