La drammatica storia arriva dalla Cina, dalla contea di Jianhu. Il tredicenne Shao Fuming è stato arrestato per aver ucciso la madre, Yang Yan, 37 anni, a colpi di mannaia. Il gesto estremo e colmo di rabbia di Shao è arrivato dopo che la donna aveva ucciso il suo cane a bastonate. Secondo quanto riportato dal South China Morning Post, la madre avrebbe ammazzato il cane davanti al figlio perché l’animale sarebbe stato fonte di troppa distrazione.

Il ragazzo, a quel punto, ha riversato sulla donna una rabbia inaudita uccidendola a colpi di mannaia. Subito dopo l’omicidio, Shao è scappato e secondo quanto riportato dalla polizia su Weibo (il principale social network cinese) è stato arrestato mentre si trovava in un ristorante aperto 24 ore su 24 in stato di choc. Il padre del ragazzo lavora in una zona lontana dalla casa della famiglia e non era quindi presente al momento dell’accaduto.

“Il ragazzo giocava con il cucciolo tutto il giorno e la madre era arrabbiata così ha ucciso il cane di fronte a lui”: questa la testimonianza di una vicina raccolta dal Red Star News. “Il rapporto tra mamma e figlio era molto conflittuale”, ha scritto ancora su Weibo la polizia di Jianhu. Secondo la legge cinese i minori di 14 anni non possono essere ritenuti penalmente responsabili, mentre quelli tra i 14 e i 16 anni possono essere arrestati e accusati di reati come omicidio, rapina e stupro. Nel Paese, l’allarme per la delinquenza minorile è alto e sono molte le polemiche relative alle misure previste per i ragazzini che commettono reati.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Claudia Galanti scrive alla figlia scomparsa a soli nove mesi: “Avrei camminato fino in cielo per riportarti a casa”

next
Articolo Successivo

Sfera Ebbasta invita i genitori ai suoi concerti: per loro ingresso gratuito

next