L’ultima mossa di Sfera Ebbasta? Cercare di recuperare la simpatia dei genitori dei suoi giovani fan, che spesso lo considerano un cattivo esempio per i propri figli. Il trapper di Cinisello Balsamo, che negli ultimi mesi è finito su tutti i giornali dopo la tragedia di Corinaldo, ha deciso di aprire le porte a mamma e papà, che ora potranno accompagnare gratuitamente i rispettivi pargoli ai concerti previsti nelle arene indoor nel mese di aprile.

“Ho pensato di coinvolgere i genitori in modo che possano vedere che nello show è tutto positivo – ha spiegato Sfera -: è un posto dove ci si diverte. Mi sono messo nei loro panni che hanno visto l’idolo dei loro figli, ancora ragazzini, additato dai giornali e dalle tv come se fosse un mostro”. L’operazione ha l’intento di avvicinare la “(t)rap generation” al mondo degli adulti, che spesso guarda con sospetto chi arriva dall’ambiente hip-hop.

Il trapper, nell’ultimo periodo, era stato pure accusato di inneggiare all’uso di sostante stupefacenti. Accusa che lui ha sempre rigettato. Nell’ultimo singolo, Mademoiselle, aveva risposto così: “In Italia se tuo figlio spaccia è colpa di Sfera Ebbasta, non di tutto quello che gli manca”. Dopo la provocazione, ora Sfera tenta nella riconciliazione. Per due settimane, fino a esaurimento posti, ogni minorenne che acquista un biglietto per lo show avrà diritto a un biglietto omaggio per l’adulto che lo accompagnerà, semplicemente scrivendo una mail a [email protected] e fornendo i documenti necessari richiesti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mamma uccide il cane, il figlio 13enne la ammazza a colpi di mannaia

prev
Articolo Successivo

Michael Jackson “rinnegato” dopo Leaving Neverland. “Siamo in un periodo di caccia alle streghe che non va a vantaggio di chi subisce realmente violenze”

next