Il chirurgo plastico Roy De Vita si è raccontato a Storie Italiane su RaiUno, ospite di Eleonora Daniele per via di un caso di furto di identità online che gli ha reso la vita difficile. L’ex marito di Nancy Brilli e primario di chirurgia plastica ricostruttiva all’Istituto Tumori Regina Elena di Roma ha spiegato: “Un giorno in mail una signora mi chiede se le creme che pubblicizzo sono realmente efficaci. Io sono cascato dalle nuvole, per cui mi faccio mandare tutto quello che riguardava questa pubblicità. C’era una falsa intervista in cui io dicevo delle cose inverosimili: parlavo male dei colleghi, parlavo male del botox, tutte cose che non avevano senso scientificamente e che sono eticamente riprovevoli. Alla fine l’intervista rimandava all’acquisto di una crema miracolosa di cui non conoscevo l’esistenza: non so nemmeno che cosa contenga”.

Il professore De Vita – che ha presentato una denuncia per sostituzione di persona e diffamazione – ha raccontato come la presenza di questo profilo fake sui social network, che utilizza sue fotografie e falsi contenuti, gli stia rovinando la vita: “Ho raccolto testimonianze di miei pazienti che avevano comprato la crema: mi hanno mandato le fatture, i numeri a cui telefonavano… Tutte le informazioni le ho date alla Polizia Postale ma ancora non è stato sufficiente a fermare questa truffa, con cui utilizzano la mia persona, la mia faccia, la mia credibilità professionale per vendere questi prodotti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Filmavano segretamente e illegalmente i clienti nelle loro stanze d’albergo per poi mandare i video su siti porno

prev
Articolo Successivo

Ronaldo e le accuse di stupro, Nyt: “Juventus salta tournée in Usa per paura che venga arrestato per il caso Mayorga”

next