Filmavano segretamente e illegalmente i clienti nella loro stanza d’albergo e poi trasmettevano le immagini, sia registrate che in diretta streaming, su una piattaforma a pagamento. Secondo quanto riportato dalla Cnn, sarebbero circa 1600 i clienti finiti nelle trame di quattro uomini: due sono già stati arrestati e due sono indagati. Siamo in Corea del Sud e gli alberghi filmati sarebbero 30, 42 le stanze coinvolte. Si tratterebbe in particolare di motel. La Korean National Police Agency ha spiegato il metodo per ottenere le registrazioni: i video erano realizzati attraverso telecamere spia sistemate nelle scatole dei televisori, negli appoggi degli asciugacapelli e in altre apparecchiature elettriche che si trovano delle stanze. Se i quattro uomini dovessero essere incriminati rischiano fino a 7 anni di carcere. I quattro che hanno tenuto in piedi questa attività illegale da novembre fino a marzo, hanno guadagnato intorno ai seimila dollari. La piattaforma dove venivano poi mostrati i filmati conta circa 4000 iscritti, 97 dei quali pagano una quota mensile di circa 44 dollari per avere accesso a contenuti premium, come ad esempio lo streaming live. “C’è stato un caso simile in passato ma questa è la prima volta che la polizia rintraccia il sito dove poi i filmati venivano mostrati live”, hanno fatto sapere le forze dell’ordine.

 

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Harry e Meghan Markle, parte il toto nome: Diana e Vittoria oppure Arthur e Carlo sono i più probabili

prev
Articolo Successivo

Roy De Vita: “Mi hanno derubato l’identità online e mi stanno rovinando la vita: vendono una crema che definiscono “miracolosa”, io non so cosa sia”

next