Sono passati due anni da quando Emanuele Mauti ha partecipato a Uomini e Donne come corteggiatore di Sonia Lorenzini e ora ha deciso di svelare con dei video pubblicati su Instagram cosa succede dietro le quinte dello storico dating show di Maria De Filippi. “Oggi ero in mensa e una signora mi ha fatto una domanda, che da due anni a questa parte, da quando ho partecipato a Uomini e Donne, è la più gettonata – ha iniziato a raccontare Emanuele -. E quindi voglio rispondere pure a voi, che spesso me lo chiedete. Perché raga me lo hanno chiesto veramente in tanti, ovvero: ma ciò che vediamo a Uomini e Donne è tutto vero? Raga sì, ciò che vedete a Uomini e Donne è tutto vero. Le persone all’interno di quel programma sono assolutamente lasciate libere di esprimersi, di agire, al 100%”.

Poi però, ha ammesso che essendo un contesto televisivo, “la redazione cerca di romanzare un po’ le vicende, però nulla viene alterato”. “Tutto sta alla bontà dei personaggi. C’è chi recita un copione perché decide così e chi di rivelarsi per quello che è sempre stato nella propria vita. C’è invece chi si costruisce un personaggio. Forse lo fanno per business, forse per apparire migliore agli occhi degli altri. Forse perché in realtà non ha molte qualità da mostrare, non ha fatto tante cose nella vita, non ha fatto un granché quindi si inventa un personaggio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alba Parietti: “Camilleri? lo sposerei, ne sono innamorata anche fisicamente”

next