“Sono molto appassionata alla serie di Montalbano, ne vado pazza. Vorrei che le ispirazioni alla sinistra di oggi venissero date da Camilleri. Io lo sposerei, ne sono innamorata, mi piace talmente tanto quello che dice che ne sono innamorata anche fisicamente“. A dirlo è Alba Parietti intervenendo ai microfoni de “I Lunatici” su Rai Radio 2. L’opinionista dell’Isola dei Famosi ha parlato senza peli sulla lingua: “Se c’è davvero stata una storia tra me ed Ezio Bosso? Ci sono delle cose nella vita che vale la pena di tenere unicamente per sé. Potrei rispondere di sì, potrei rispondere di no, è una persona che conosco, a cui sono molto affezionata, di cui ho una enorme stima e una venerazione per tutte le emozioni che è in grado di dare. Di un uomo così ci si può innamorare follemente, questo è un mio singolo giudizio, io mi innamoro spesso di ciò che mi emoziona. Posso innamorarmi di Bosso, di Camilleri, potrei innamorarmi di un ventenne come di un centenario se il suo pensiero riesce ad affascinarmi”.

Poi la Parietti ha parlato della sua situazione sentimentale: “Se ora sono innamorata? Ho delle passioni. Non per una sola persona. Devo essere onesta. Ho delle passioni tutte rivolte a figure intellettuali o artistiche. Non sono mai in astinenza, la mia passione mi appaga talmente tanto, mi dà talmente tanto soddisfazione, che ora conta più la forza del pensiero rispetto alla carne. Sono sedotta, in questo momento, da ben due uomini diversi. In modo molto forte”.

“Ma sono passioni che riguardano sempre e solo la testa. Mi innamoro follemente, nel senso che per me queste persone rappresentano qualcosa di forte. Ma fare i nomi non è importante, preferisco vivermele – ha spiegato ancora la showgirl -. Il sesso? A volte temo possa rovinare certi rapporti. Quando interviene il sesso si crea una competizione. C’è paura del tradimento, c’è paura di derisione, non sei più libero di dire le cose che vorresti, nel modo in cui vorresti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Emanuele Mauti, l’ex corteggiatore di Uomini e Donne rivela cosa succede dietro le quinte del programma di Maria De Filippi

next