“E’ stata un’ora e un quarto di terrore. L’autista lo conoscevamo da un paio di mesi. Durante il viaggio di andata era tranquillo. Al ritorno inveve, appena siamo saliti, ha messo le catene alle porte per non farci uscire e puntandomi un coltello contro mi ha obbligato a legare i bambini, a spargere benzina e a coprire i finestrini del bus”. Così Magarini Tiziana, collaboratrice scolastica dell’Istituto Comprensivo Vailati di Crema, che si trovava a bordo del bus sequestrato e dato alle fiamme da Ousseynou Sy.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Napoli, caos per lo sciopero sulla Circumvesuviana. L’azienda: “Dai sindacati richieste troppo onerose”

next