“E’ stata un’ora e un quarto di terrore. L’autista lo conoscevamo da un paio di mesi. Durante il viaggio di andata era tranquillo. Al ritorno inveve, appena siamo saliti, ha messo le catene alle porte per non farci uscire e puntandomi un coltello contro mi ha obbligato a legare i bambini, a spargere benzina e a coprire i finestrini del bus”. Così Magarini Tiziana, collaboratrice scolastica dell’Istituto Comprensivo Vailati di Crema, che si trovava a bordo del bus sequestrato e dato alle fiamme da Ousseynou Sy.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, caos per lo sciopero sulla Circumvesuviana. L’azienda: “Dai sindacati richieste troppo onerose”

next