“Mi sono confrontato con Marine Le Pen sulla tv francese. I populisti sono tutti uguali. La Le Pen parlava senza conoscere la Costituzione italiana, senza sapere che da quando c’è Salvini l’Italia è tornata in recessione, senza ricordare che era una delle grandi sostenitrici di Brexit”. Lo scrive sui suoi canali social Matteo Renzi a corredo del video che lo vede impegnato in un duro scontro con la leader del Front National durante la trasmissione televisiva L’emission politiquè. “Mi sento sempre più impegnato in una battaglia culturale e civile per un’Europa giusta, contro la cultura di odio e paura che Salvini e Le Pen rappresentano”, aggiunge.

Tutto ha preso spunto da un’affermazione della politica francese: “Gli italiani hanno sperimentato la sua politica che ha portato conseguenze gravissime e hanno votato Salvini e i Cinque Stelle. Il governo oggi ha il 55-60%”. “Signora Le Pen – ha replicato Renzi, in diretta da Londra – con i Cinque Stelle e Salvini in Italia c’è la crisi. Se guarda le cifre dell’economia può vedere che il nostro paese è tornato in recessione”.

“I francesi potrebbero fare a Macron quello che gli italiani hanno fatto a lei”. “Lei non conosce l’Italia – ha risposto l’ex leader del Pd – è vero che ho perso, ma ho perso una volta, lei ha perso sempre. Lei è la donna in politica che ha perso di più e parla di me come di quello che è stato sconfitto. Studi le cose italiane prima di parlare”. Renzi ha poi sottolineato: “Salvini ha avuto il 17% dei voti, noi il 19%. La differenza è che noi non abbiamo accettato l’alleanza con il M5S e Salvini sì”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Via della Seta, Conte: “Firmiamo il memorandum. Non ci impegniamo a nulla, è accordo quadro non vincolante”

prev
Articolo Successivo

Regione Lazio, segretaria generale a processo: ‘Truccò curriculum’. M5s chiede rimozione, ma giunta: ‘Non ci compete’

next